Adriano Tartaglia

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Ballerina di Flamenco con spettatrice nell’ombra” di Adriano Tartaglia

 

Il tratto accentato del Tartaglia delinea la condizione vitrea e lunare della donna alla luce dello sguardo, a luogo specchiato di riflesso e di liquido piacere della sete. Il corpo igneo è precipitato dell’azione, supplenza di un’assenza primaria, ricetto di risposta alla domanda e di compiacimento, di proiezione dei propri contenuti emotivi, per estroiezione dell’elemento inconscio ed a funzione elaborativa e redentiva dell’angoscia, entro il processo aperto dell’artista d’identificazione e di coscienza.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica