Aldina H. Beganovic Todorovic

Aldina H. Beganovic Todorovic, Deer.JPG

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Deer” di Aldina H. Beganovic Todorovic

 

L’iridata, onirica e simbolica espressione pittorica della Beganovic Todorovic è sintesi evolutiva del vissuto emotivo ed istintuale, che nasce dall’ombra, che redime dalla nigredo, dal dolore e dal caos dell’inconscio e che s’irradia alla rigenerazione vitale dei colori della luce: schegge luminose preziosamente intagliate sul sostrato notturno dalla coscienza formale. Il cammino individuativo percorre la dinamica del desiderio e l’elevazione spirituale ai rinascenti rami arborei e archetipici del palco cervino, albero della vita, per una ierogamia di terra e di cielo.

Aldina H. Beganovic Todorovic, La Primav

Critica in semiotica estetica dell’Opera “La Primavera in masseria” di Aldina H. Beganovic Todorovic

 

Il tripudio cromatico della Beganovic Todorovic fa di ogni elemento la parte di un’unica massa corporea naturale, esultante tessuto onirico dell’incantevole dimora agreste mediterranea. Il silenzio sorpreso delle case in atto di antropomorfa meraviglia è l’abbraccio contemplativo dei mille occhi della fioritura primaverile, che sapienzialmente sfaccetta i preziosi istanti del divenire prospettico e iridato della verità, nella continuità dell’uomo alla natura.

Aldina H. Beganovic Todorovic, Campo di Papaveri.jpg

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Campo di Papaveri” di Aldina H. Beganovic Todorovic

 

L’alchimia floreale della Beganovic Todorovic celebra il papavero che sboccia dal sacrificio della notte, della morte, a rinascere dal grembo della terra: è il nepente, che letteralmente redime dalla pena del giorno e della coscienza mendace, poiché trova la sintesi della rappresentazione alla verità. Alla rêverie del sogno è la risposta armonica e universale, l’oro filosofale alla domanda dell’uomo.