Alessandra Caroselli

Alessandra Caroselli, the dreamers.jpg

Critica in semiotica estetica dell’Opera “the dreamers” di Alessandra Caroselli

 

La spontaneità fotografica della Caroselli vivifica e attualizza il luogo archetipico oracolare, quale fonte prima di natura, di sacertà e di verità infallibile, quale responso divino alla domanda di vita. L’acqua è il principio di ogni cosa e richiama a sé l’infanzia, ancora madida del suo albo e silente incanto aurorale, resa custode della gioia ineffabile di continuità dell’origine, comune e universale, che l’età adulta smarrisce nella costitutiva mendacia della definizione di parola.