Anita Pavone

Carne d'ammore

Simmo femmene, carne d’ammore,

sanghe e sudore.

Simmo sore, mamme

figlie senza marite e senza pate.

Violate, stracciate,

cercate, rinnegate.

Cugliute, comm'e rrose

Annusate, comm'è pesche

Murzecate,

comm' o ppane appena sfurnate

Attorcigliate, addenucchiate,

'nnammurate.

Simmo femmene, pelle e sudore

uocchie,

ca sanno chiagnere senza na lacrima

mane,

chine 'e sanghe, vicine 'e spine

e pure si chiove… aizamme a capa,

camminammo 'mmiezo 'o vviento

ce fermammo sulo p'abbraccià nu figlio,

nu pate, nu marito, n'amico… nu frate…

ma sempe sole, ce ne jammo a cuccà.

Simmo femmene, carne p’ammore

e io tenevo ciento, mille sore piccerelle

cantavano, abballavano,

rerevano comm'a nuje,

ma stì creature

masticate comm'e 'o pane pure lloro…

e paura e turmiento

e pò sulo: silenzio!

T'aggio vista,

tu tenive l'uocchie mieje

t'aggio vista,

je tengo l'uocchie tuoje

Simmo femmene, carne e sanghe d’ammore.

 

 

Carne d’amore

 

Siamo femmine, carne d’amore,

sangue e sudore.

Siamo sorelle, mamme,

figlie senza mariti e senza padri.

Violate, stracciate,

cercate, rinnegate,

colte come le rose

annusate come le pesche

morsicate

come il pane appena sfornato,

attorcigliate, inginocchiate,

innamorate.

Siamo femmine, pelle e sudore

occhi,

che sanno piangere senza una lacrima

mani,

piene di sangue vicino le spine

e pure se piove, alziamo la testa

camminiamo in mezzo al vento

ci fermiamo solo per abbracciare un figlio,

un padre, un marito, un amico, un fratello...

ma sempre sole ce ne andiamo a dormire.

Siamo femmine, carne per amore

ed io avevo cento, mille sorelle piccoline

cantavano, ballavano,

ridevano come noi,

ma queste creature,

masticate come il pane… anche loro…

e paura e tormento

e poi solo: silenzio!

Ti ho vista,

tu tenevi gli occhi come i miei

ti ho vista,

io ho gli stessi occhi tuoi.

Siamo femmine, sangue e carne d’amore.

Critica in semiotica estetica della Poesia “Carne d'ammore” di Anita Pavone

 

La vivida forza teatrale della musicalità poetica del vernacolo napoletano della Pavone invita alla partecipazione emotiva, all’identificazione protagonistica, per la catarsi di una rinnovata coscienza della natura femminile. Archetipo di amore e d’accoglienza, meraviglia, dedizione, integrazione, forza maieutica di vita e d’espressione, eternazione dell’essere, la donna è tuttavia usata come “oggetto parziale”, luogo proiettivo di aggressività, di compiacimento maschile, di estroiezione di contenuti emotivi di un’identità destrutturata che vive per successione di istanti, senza conoscere il valore, tutto al femminile, della continuità di senso.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica