Anna Buglia

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Equilibrio” di Anna Buglia

 

Delicati e sensibili gli acquerelli della Buglia, sebbene dediti alla cura figurativa, non sono da questa istanza privati dell’intima profondità emotiva. La linearità della forma eleva e sublima l’istante nell’armonia solare della coscienza, eppure lo stesso equilibrio dell’umano ha la natura costitutiva della verticalità e del movimento, da quello emozionale dell’amore a quello ruotante, vertiginoso e divertente della giostra, a suggerire che l’equilibrio orizzontale dell’essere è puro e ideale desiderio del disequilibrio strutturale del passo andante e gioioso del divenire della vita.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica