Carmine Antonio Carvelli

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Oltre il corpo, l’anima” di Carmine Antonio Carvelli

 

Il corpo del Carvelli si eterna nel suo oltre, nell’anima: la parola è maschera e anche la parola corporea dell’arte è rimando infinito di desiderio dell’oltre, l’oltre animato del senso infinito, perché volto irraggiungibile. Mai si toglie la maschera dell’espressione per l’anima in sé dell’oggetto significato,

ma la sua stessa distanza è il modo più umano, più nostro, di esserne noi, in eterno ancora, innamorato

e nostalgico desiderio mancante.

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Onironauta” di Carmine Antonio Carvelli

 

Il tratto in movimento del Carvelli apre all’eco e alla ripetizione dell’origine, che è fresca variazione e mai medesimezza. È utopico il sogno di conoscenza dello sguardo diretto del piacere, la coscienza dell’uomo

è già desiderio, come allontanamento dal piacere e sua instancabile ricerca: il desiderio rifrange il corpo allo sguardo, nelle sue prospettive. L’arte nasce dall’intreccio inscindibile del movimento del guardare

ed essere guardati: originaria merleau-pontyana coappartenenza di sé ed altro, che il vedente rende visibile e così anelante.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica