Donato Lotito

UNA GOCCIA D’AMORE

Il tuo amore,
è goccia lucente in mezzo al mare,
infranta come onda
sugli scogli frastagliati

Goccia
che sapremo ritrovare
dentro noi, nei ricordi, nei pensieri,
nella musica che ci ha tenuto compagnia,
nelle frasi interrotte,
nell’emozione dell’ultimo addio.

Il tuo amore
è goccia di pioggia cristallina
congiunta al travolgente fiume in piena.

Goccia
che sapremo ritrovare
intorno a noi.

Per le strade che abbiamo percorso insieme,
nelle tracce del tuo aspro lavoro,
negli occhi inconsapevoli di chi ci sta vicino.
nei racconti della gente per mantenere
vivo il tuo ricordo.

Una goccia d’amore
che si confonde nell’illogica
indifferenza della vita
e alla rassegnazione,
che sapremo ritrovare
nei momenti d’inquietudine,
per proseguire il nostro cammino
sino alla fine.

 

Critica in semiotica estetica della Poesia “Una goccia d'amore” di Donato Lotito

 

Profonda ed elementare, la parola del Lotito trova l’essenza comune e universale di ogni cosa frangente, oltre gli scogli della coscienza: ogni cosa è goccia, una lacrima, la stilla franta e amante di un unico bacino originario, una versante effusione che rifonde all’anima unica del mondo, inestinguibile. In virtù di questa appartenenza essente e consustanziale ogni forma transeunte della vita resta, ogni affetto vivido permane nella sinestesia languida del dono fluente di speranza.