Enrica Tais

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Lungo il canale” di Enrica Tais

 

L’impressione fotografica della Tais avelle dallo scorrere temporale una veduta della petite Venice francese (Colmar) e la intaglia fra le decorazioni lignee dei graticci e delle imbarcazioni nella luminosità di una fiaba a cartoon dai colori pastello. L’ulteriore mise en abîme del riflesso delle case sull’acqua è ancora una storia nella storia, che eleva a potenza l’abbraccio sognante, ad eternare il profondare echeggiante di una realtà nell’abisso del sentimento.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica