Florentina Chifu

Storie di ieri, di oggi, di domani

Il bambino ascolta sognando a colori.

Com’è stata la storia di ieri?

Con volpi a rincorrersi tra fiumi e fiori,

Attraverso foreste con ondeggianti sentieri.

 

Un giovane sogna futuri incerti.

Com’è stata la storia di oggi?

Con uccelli dispersi e boschi deserti

Con mura che fra abeti si trovano alloggi.

 

L’anziano carezza il nipote delicato

Come sarà la storia di domani?

Con palazzi che spargono cemento malato

E asfalto che terrà luogo di pane.

 

Povești de ieri, de azi, de mâine

              

Copilul ascultă visând în culori.

Cum a fost povestea de ieri?

Cu vulpi ce aleargă prin râuri și flori,

Prin păduri cu adânci mlădieri.

              

Un tânăr visează la ce va fi.

Cum a fost povestea de azi?

Cu păsări pierdute și codri pustii,

Cu ziduri ce-și fac loc printre brazi.

                

Bătrânul alintă nepotul firav.

Cum va fi povestea de mâine?

Cu blocuri ce-mprăștie beton bolnav

Și asfalt ce va ține loc de pâine.

Critica in semiotica estetica della Poesia “Storie di ieri, di oggi, di domani” di Florentina Chifu

 

Dialettica e narrante, la parola ammonitrice della Chifu configura il tempo nel luogo del passato, che veste la dimensione del sogno, della natura, dell’emozione, dell’armonia dell’inconscio; nel luogo del presente, incapace di un’auspicabile sintesi fra le dimensioni d’inconscio e di coscienza, che coesistono invece in assenza di dialogo e di senso; nel luogo del futuro di questo presente scisso e alienante, ove la solidità nevrotica e artificiale della coscienza vince sul nutrimento vitale e naturale dell’inconscio.