Gabriele Colosimo

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Lontani” di Gabriele Colosimo

 

L’onirismo degli oli del Colosimo apre scenari di solitudine e di deprivazione, ove l’uomo, prossimo alle ore notturne, è lontano dal mezzogiorno della coscienza ed esiliato alla condizione segnica e umbratile di lacerazione, di mancanza e d’inguaribile malinconia, condannato al costitutivo squilibrio dall’essere, alla distanza incolmabile dalle costruzioni solide del significato universale e necessario della società civile. L’istituzione del significato stesso provoca l’attesa della separazione originaria (Ur-teil) e del misconoscimento di sé.

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Migrazioni” di Gabriele Colosimo

 

Gli oli desolati del Colosimo sono individuazione della parvenza segnica in un mero ritmo, spogliato della sua valenza rituale di eterno ritorno in ripetizione analogica di un’origine, che sempre fonda l’umana esigenza cosmogonica comunitaria e culturale, poiché la migrazione è un meare senza ritorno, un sentimento di lacerazione dalla coscienza di sole lasciato alle spalle, un movimento coatto all’ignoto, che sradica dalla vitale terra materna. È depauperazione identitaria l’assenza del dono di riconoscimento dell’alterità. È un’esperienza che preclude, con l’essere della continuità ad un’origine, il senso stesso dell’esistenza: tutto ancora in vuoto da dipingere.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica