Gabriele Pinardi

Critica in semiotica estetica dell’Opera “imagined London” di Gabriele Pinardi

 

L’onirica visione fotografica multiprospettica e stratigrafica del Pinardi apre al superamento dell’abbagliante apparenza mascherata, per la percezione sostanziale della metropoli. La città è itinerario labirintico all’inconscio, lungo il filo d’Arianna delle luci in movimento, ove l’oggetto si perde per la relazione e il tempo raccoglie la durata dell’eternità nell’istante, per un rituale d’iniziazione identitaria. Solo se la pelle umana si mesce alla pelle delle strade, si compie davvero il viaggio.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica