Gabriella Picerno

Parole di Baci

Ti bacerei ora, ma anche dopo

e poi prima.

Senza perdere tempo.

Perché gli attimi diventino baci su di te.

Per sentire le mie labbra caramellate sulle tue

ovunque bacerei la tua pelle,

nei luoghi più segreti,

assaporare il mormorio delle tue morbidezze,

ma ora ti bacerei, qui, in piazza

tra i castagni e le margherite,

per dare voce suadente

al sapore dei nostri baci,

al profumo speziato delle nostre labbra,

alla nostra pelle intrecciata dal filo di seta,

ai nostri sorrisi persi tra i platani e le cicale.

Critica in semiotica estetica della Poesia “Parole di baci” di Gabriella Picerno

 

Semplice, limpida e sincera è la parola della Picerno, che colpisce nell’immediatezza diretta dei sensi, a donare il tempo perduto e fatto proprio: è il ritmo compiaciuto, in eterno ritorno, della meraviglia, fra lo smarrimento e il ritrovamento di sé nell’altro. Nell’abbraccio che rifonde l’umano alla natura nasce il desiderio di coscienza della bellezza dell’amore, nella volontà di dare un nome a condividere la verità del sentire.

L'immensità

Baciami ora, in questo lampo già trascorso

perché vedo un tumulto nei tuoi occhi

perché sento il tuo corpo caldo di desiderio

come quel torrido pomeriggio di luglio.

Perché voglio sentirti dentro me.

 

Baciami senza sosta

fino a non distinguere la mia pelle dalle tue labbra

fino a sentirmi staccare da terra

e andare incontro all’aria pulita e profumata dei tuoi respiri

per vagare tra spiagge assolate

correndo gioiosi verso la vita.

 

Non perderti nell’istante che sta fuggendo

e non lasciare andare via

la felicità del nostro essere

che ci siamo donati,

nei pensieri, nei sogni, nei sensi più profondi e appassionati.

 

Baciami fino a farne sostanza briosa dell’esistenza.

Critica in semiotica estetica della Poesia “L'immensità” di Gabriella Picerno

 

Esortativa, aperta e seducente la parola della Picerno invita alla felicità essente all’altro, al brio estatico del presente, della presenza assoluta dei sensi, della continuità, della coappartenenza alla medesima sostanza del mondo, sentita

nel movimento stesso dell’io che all’altro eccede, nella naturale forza ed esondanza irrequieta ed ebbra del vivere. L’atto originario del bacio, che risale ogni accezione culturale e declinazione affettiva e circostanziale vive l’indeclinabilità emotiva e istintuale del bisogno di contenimento, del desiderio inesausto di pienezza, che salva

dalla finitudine della mancanza ad essere.

In te

Magie incantate

profumi di cannella

e dolci spezie

a pungenti occhi socchiusi

assaporo.

 

E sento vagar tra le dita

quel dolce mormorio

della tua pelle

che a piccole onde

si insinua tra le mani.

 

La gioia illumina il tuo sguardo

in una notte tiepida

e solo un piccolo

fiato di vento

riesce a placare

quel desiderio

fermo,

forte

ma pur sempre non compiuto

sospeso nell’essere,

come un respiro iniziato

che non arriva in fondo.

 

Le tue labbra circoscritte,

disegnate,

da un filo rosso

carico di passioni

di gioie baciate dalla tenerezza

 

di un petalo

vellutato d’amore.

Critica in semiotica estetica della Poesia “In te” di Gabriella Picerno

 

Sinestesica e innamorata, la parola della Picerno gioca le sensazioni in abbraccio dei sensi, finanche all’ascolto delle parole della pelle, che unica estende di sé alla pelle del mondo, nella consustanziazione immemoriale all’elemento acqueo. La poetessa supera i confini delle cose e affida il volere al moto del vento, perché liberi il desiderio trasfigurato, infinitamente a realizzarlo, abitate le forme bascianti della natura.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica