Giovanni Sardi

Il silenzio della notte

Desidero che nell’odierna realtà

ritornasse una parte di felicità.

Basterebbe una mano che

porti una carezza;

un gesto inatteso

che riporterebbe luce

a questi giorni.

Sono attraversato

da ombre sconosciute.

Vorrei annullare tutte le distanze

per riavere la dolcezza del tuo amore.

Vorrei che nel silenzio,

l’ombra della tua assenza,

restasse ad accarezzare

i ricordi nei domani

intrisi di dolore;

in modo che i pensieri, fermandosi,

andrebbero ad afferrare l’impossibile:

ascoltare le tue parole,

nei battiti del cuore

dei silenzi

strani della notte.

Critica in semiotica estetica della Poesia “Il silenzio della notte” di Giovanni Sardi

 

La parola epistolare del Sardi, madida di dolore, è languidamente rivolta all’assente oggetto d’amore ed è insieme dialogante e supplice con la propria volontà stessa e primaria di vita. L’autore sa che la chiave dell’amore per il vivere è la meraviglia dell’inatteso, il senso, che cancella lo iato al desiderio e la sinestesia dei sensi, accesi nella rêverie sospesa del tempo notturno, che la coscienza accheta e che, liberamente, restituisce in presenza l’assente perduto.

Insieme per sempre

C’è un buio che mi circonda;

perdo i passi

e non riesco più a starti accanto,

no; non aspettare che ti raggiunga,

torna indietro e prendimi nel tuo cuore.

Dimmi dove nascondi le tue ombre, le passioni,

paure, i tuoi silenzi… fa in modo che io possa trovarli

e lì, mettere anche i miei.

Dimmi se è giusto cercarti ancora,

per accorrere là, dove sei tu,

nei versi incompiuti della mia e tua solitudine.

Seguirò quella strada rimasta impressa nella mia mente,

tante volte tornata nei miei sogni tra i dolori

mai sopiti nel ricordare le albe felici.

Non starmi dietro…

non passarmi avanti…

potresti non accorgerti di quando ti sorrido,

potrei non vedere quando piangi.

Resta, invece al mio fianco,

solo così, insieme,

potremmo incrociare

i nostri sguardi.

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Insieme per sempre” di Giovanni Sardi

 

Supplice e invocante la parola del Sardi è melodia dondolante, a ricucire la mancanza nella continuità.

È rituale a rendere compresente un’assenza, nel chiasmo del movimento dello sguardo: in una riflessività fra senziente e sensibile, che è originaria transustanziazione, nella coappartenenza di sé ed altro nel sentimento dell’amore. L’abbraccio fra vedente e visibile, nella sincronia dell’intreccio del riconoscimento, è accoglienza in sé dell’altro,

a completarsi.

Cicatrici

Restano calde, le cicatrici

che accarezzano il mio muto tempo,

lasciando, a me, un futuro che

non segua la speranza

di andare oltre di te.

Tu che eri la mia memoria,

mi lasci a guardare

la luce che scappa dai tuoi occhi

come un’anima che prende il volo.

Cicatrici, che parlano nei ricordi dei nostri occhi

persi l’uno nell’altro,

di quelle rive acerbe della tua infinita adolescenza

mentre un soffio d’aria squassa il mio petto.

Tu, con la testa appoggiata sulla mia spalla

come sicuro sostegno dei nostri sogni

che parlano, come linfa di sorgente d’amore.

Nel silenzio, tra le mura di quella stanza

mi lasci da solo;

un bacio e sei andata via lasciandomi in dolorose

illusioni senza se e senza ma.

Triste destino

tra certezze, crudeltà dei sogni,

e poesia.

Critica in semiotica estetica della Poesia “Cicatrici” di Giovanni Sardi

 

Lenta e discendente appoggia la parola del Sardi a toccare la realtà del dolore nelle cicatrici, in ciò che letteralmente attorno cinge e lega, nel segno che rimanda alla verità dell’oggetto. Il non senso muto della linearità del tempo solo si redime nella cadenza della ripetizione nel cerchio del ricordo, che ritualmente sutura la ferita aperta della mancanza, che riannoda l’essere al divenire, nella catarsi del senso poetico.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica