Giuseppe Galati

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Madre di montagna” di Giuseppe Galati

 

L’immaginazione simbolica universale del Galati vive la montagna nella poetica spaziale dell’essenzialità, dell’economia del segno e insieme dell’avvicinamento al senso e alle sue contraddizioni. La durezza del territorio conduce ad un’elevazione e ad una sublimazione, che dividono la luce dalle ombre, distillando un senso di stabilità ed immutabilità. Tuttavia il viso femminile che, a fianco alla finestra chiusa, pur partecipa con essa, per metà, all’algido congedo all’inconscio, trattiene, nello stesso equilibrio del silenzio e della quiete, lo sguardo obliquo del timore, che ricorda, al fianco montano cosciente dell’altezza, la voragine.

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Nell’uliveto” di Giuseppe Galati

 

La forma pittorica del Galati è rilevante e piena, l’equilibrio di luci e di ombre dona il tono plastico, che emerge vividi gli aspetti in presenza e proprio attraverso la modulazione tonica l’artista veicola l’emozione della forza e della costanza del movimento e figura l’immagine materna del tempo e della memoria, come ciò stesso che dà forma risultante al presente. È rito tradizionale che lo stesso senso del passato fedelmente gesta alla vita. Il rito del lavoro è all’artista fondamento identitario di condivisione, di appartenenza, di valore profondo, che liricamente sposa l’armonia dei corpi di uomo e di natura.

Giuseppe Galati, Al fiume.JPG

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Al fiume” di Giuseppe Galati

 

L’umida sinestesia pittorica del Galati cerca l’evento in coinonia al mondo, la verità di una coappartenenza archetipica fra la donna e la natura, risalendo al “come” ineffabile del corpo, che precede il “cosa” degli oggetti del pensiero. È l’husserliano mondo della vita, nell’unità sintetica sostanziale del corpo del mondo vivente, che sfuma l’umida immanenza materica, nel movimento all’inconscio del contenimento primario nel grembo materno e naturale. L’artista cerca l’azione vissuta, non rappresentata, al livello emozionale e tonico corporeo, che precede la logica degli abiti linguistici, all’origine del senso nell’unità armonica.

Giuseppe_Galati,_È_primavera.JPG

Critica in semiotica estetica dell’Opera “È primavera” di Giuseppe Galati

 

Il vivo corpo materico della pittura del Galati apre alla sinestesia dei sensi, che lega le percezioni e porta in presenza l’oggettualità assente della rappresentazione. Così nella semplice cura di una donna, rivolta a un vaso di fiori, sboccia la pienezza sensibile di una stagione, poiché il gesto rituale e l’espressione artistica sono l’analogia che cosmologicamente rinnova la vita dell’origine stessa: ciò che conferisce il valore di un senso culturale alla realtà naturale.