Josine Dupont

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Acqua” di Josine Dupont

 

La rêverie elementare della Dupont non è semplice abbandono; è il movimento profondo di una genealogia dell’identità, che risale, oltre i dolenti sipari angusti della prigionia della rappresentazione in forma,

alla materia e al gesto sintonico, sincronico e sinfonico che l’abita, in sinestesia di tutti i sensi insieme, all’energia cromatica, frequenza dell’azione in approfondimento. È un descensus al risucchio del primario contenimento materno e al bacino oceanico della nascita della vita, fino a liberare il continuum dell’uomo al mondo nell’emozione inconscia dell’appartenenza archetipica alla volontà di vita, che supera il principio individuationis e lancia il divenire eterno e inarrestabile della metamorfosi dell’essere.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica