Margherita Masuzzo

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Davide e Golia” di Margherita Masuzzo

 

La pergamena anticata della Masuzzo è il supporto epidermico di un ascolto profondo della costante di classicismo che abita la modernità di un affermato segno grafico espressivo. L’artista sfida il gigante caravaggesco con la semplice davidica coscienza del sentimento, della dispiegata e aperta volontà di realizzazione, dell’acume d’intelletto che scorge e valorizza la risorsa del dettaglio. Con lo stesso igneo drappo sanguigno che veste l’eroe, introiettante la forza nemica, appone la firma della sua individuativa vittoria.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica