Rita Giovanna Cavicchi

Impresso ho il complesso

È enigmatico concetto,

che comprendi a mala pena

e, anche quando l'hai riletto,

ti trasporta fuori scena.

 

È un insieme parimenti

per le manifestazioni

od idee corrispondenti

a elementi od a nozioni.

 

È quel gruppo di persone

con un brano musicale,

che, con grande esultazione,

te lo rendono speciale.

 

È, purtroppo, in molti casi,

quella sensazione strana,

che distrugge le tue basi

ed intorno tutto frana.

Critica in semiotica estetica della Poesia “Impresso ho il complesso” di Rita Giovanna Cavicchi

 

Il verso vivo e musicale della Cavicchi sfoglia con umore ed energia visiva i significati della parola “complesso” da “cum-plecto”, letteralmente “composto” di membra, di parti unite di un insieme, per arrivare al nucleo di senso primario che resta nel variare dei contesti d’uso. L’uomo stesso è un complesso: un insieme psicofisico complicato, sonoro-espressivo e la frammentazione degli stati identitari coscienti

è legata insieme da un flusso continuo e inconscio di senso e d’indomabili possibili ulteriori di sé.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica