Rosario Cascone

FRAMMENTI DI VITA

Tempo 
assegnato e vissuto
che ha rincorso sogni e speranze.

Tempo
del tutto e del nulla
nascosto nel giardino segreto del mio cuore.

Tempo
in attesa di un domani
voluto da un amore che tutto salva e tutto condanna.

Tempo
di accettare quello che non si può evitare.

Tempo
di restare chiuso nell’angolo del disappunto.

Tempo
che lascia il mio desiderio incompiuto
nella luce infinita.

 

Critica in semiotica estetica della Poesia “Frammenti di vita” di Rosario Cascone

 

Frammento ritornante è la parola del Cascone, nel desiderio di cucire gli istanti di tempo nel senso, come bagliori della coscienza, per il volto unitario e splendente della vita, inconoscibile. L’uomo è segno e rinvio, ripetizione analogica, parte mascherata e incompiuta di una perfezione irraggiungibile: il passo cadenzato di un accento che scandisce e radicalmente domanda (fragen), che rimanda all’armonia di una risposta ad un canto inudibile oltre il tempo.