Saverio Macrì

VENI ‘NTA TERRA

Jeu ti chjamu ma tu cchjù non mi senti,

ti guardu e non mi vidi, figghju meu,
veni ‘nta terra, aundi rruzzu ‘i denti,
si vvoi mi sai daveru cu’ sugn’eu.

          

Senti lu ventu di li me’ penzeri,
ca l’autunnu, ormai, sta pa finiri
e supa ‘ terra e puru li senteri
guard’’e fogghj chi stannu pa cadiri.

         

Sti fogghj chi tu vidi arrotulati

sunnu  jorna di focu e di turmentu,
ricordi ‘i  ll’anni mei tutti passati,

rondinelli chi volanu ‘nto ventu.

     

‘A primavera staci pa tornari,
tu vid’ arburi antichi chjni ‘i hjuri,
arcegli che non smettunu ‘i cantari,
ca esti la stagioni di ll’amuri.


Senti  l’eternu cantu di’ cicali,
chi mi pari ‘nu sonu di violini
e campani chi volanu cu ll’ali,
avant’arretu, sup’a sti collini.


Veni vicinu a mmia,  ca chista è ‘a vita,   
caccia da’ testa tua tutti i penzeri,
non è mportanti l’oru o la munita,  
ma i cosi ch’ennu ccà, chi sunnu veri!

VIENI IN CAMPAGNA

Io ti chiamo, ma tu più non mi senti,

ti guardo, ma tu non mi vedi, figlio mio,

vieni nella terra, dove digrigno i denti,

se realmente vuoi sapere chi sono io.

 

Ascolta il vento dei miei pensieri,

perché l’autunno ormai sta per finire,

e sulla terra e anche sui sentieri,
guardo le foglie che stanno cadendo.

 

Queste foglie che vedi arrotolate,
sono giorni di fuoco e di tormento,
ricordi dei miei anni tutti passati,
rondinelle che volano nel vento.

la primavera sta per tornare,
e tu vedi alberi antichi carichi fiori,
uccelli che non smettono di cantare,
perché è la stagione dell’amore.

Ascolti l’eterno canto delle cicale,
che mi sembra un suono di violini,
e campane che volano con ali,
avanti e indietro sopra queste colline.

Vieni vicino a me, perché questa è la vita,
elimina dalla tua testa tutti i pensieri,
non è importante l’oro, o la moneta,
ma le cose che sono qua, che sono vere!

Critica in semiotica estetica della Poesia “Veni 'nta terra” di Saverio Macrì

 

Con molle melodia tornante e vernacolare, la parola franca e primigenia del Macrì celebra la verità della terra quale senso dell’uomo. Solo il ritorno consustanziale all’elemento terrestre d’appartenenza riaccende i sensi e la volontà che testimonia la vita, spoglia della futile apparenza mendace dell’avere, restituisce il valore dell’essere e rifonde al luogo d’origine naturale, ove il tempo è materia tangibile e il luogo è sacrificio e grembo di rinascita e si ode la musica dell’amore. La dimensione dell’azione concreta e del sentimento sono il sostrato di senso e di valore di ogni espressione d’esistenza.