Silvia Carta

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Anime” di Silvia Carta

 

Le sensibilissime sfumature cromatiche della Carta raccolgono finanche la proiezione sostanziale di un orizzonte di luce, nell’abbraccio che tende all’indistinzione armonica di forma e di sfondo. L’anima non dissolve con la morte corporale: è respiro universale che rifonde l’uomo alla natura, da cui tutto proviene, a cui tutto ritorna. L’identità si costruisce e si eterna attorno alla modulazione emotivo-affettiva, che orienta nel mondo: per l’uomo conoscere è immaginare, sperare, confondersi, commuoversi, riconoscere e ricordare.

Critica in semiotica estetica dell’Opera “La vita è un gioco” di Silvia Carta

 

L’emotiva visione pittorica della Carta inscena una rappresentazione onirica dell’incubo di Antonio Stano, il cui orrore perdura all’ingresso delle prime luci del giorno e della coscienza e squarcia ogni velo sulla crudeltà dell’assoggettamento della vita stessa ai meccanismi d’inclusione ed esclusione sociale, sintomo del dramma dell’odierna destrutturazione dell’identità adolescenziale, che schernisce e oltraggia la differenza, per una falsa e illusoria necessità di autoaffermazione,

sull’atroce negazione del valore dell’alterità.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica