Simonetta Caligara

Milano “ermafrodita”

sonetto per Milano in versione italiana 

In lingua milanese è uomo,
uno di quelli dai potenti attributi.
Ha lasciato il suo nome nella Storia, 
merito e vanto della sua popolazione.

Sulle sue battaglie sono stati scritti libri,
sofferte vittorie da ricordare
che hanno posto la corona della celebrità sul capo
di uomini forti, dal cuore passionale.

Per gli altri invece è donna:
imbellettata, volubile, alla moda,
vivace, fragile, sempre operosa.

Donna e uomo... mescolanza pericolosa:
nello stesso corpo sono in competizione,
nessuno vuole abbandonare il suo sesso originale.

Milano si fa persona:
le sue contraddizioni sono la sua forza.
Un cuore tenero e... sopra una scorza dura.

 

 

Milan “ermafrodita”
sonètt per Milan in lengua milanese

In lengua meneghina Lù l'è òmm,
l'è vun de quèi cont i ballòtt potent.
In de la Stòria l'ha lassaa 'l sò nòmm,
merit e vant de tutta la soa gent.

Di sò battali hinn staa scritt di tòmm,
patii vittòri de tegnì 'n la ment
ch'hann insebii coròna sor' ai ciòmm
de 'st' omenon robust col coeur ardent.

Per tant' inveci Lee l'è pròppi dòna:
imbellettada, frasca, gagarèlla,
viscora, fragil, semper operosa.

Fèmmina e òmm... mès'cia perniciosa:
dedent a l'istèss còrp hinn in quarèlla,
el sèss original nissun bandòna.

Milan se fa persòna:
i sò contradizion hinn la soa fòrza.
Tèner sciroeu e sora... dura scòrza.

 

Critica in semiotica estetica della Poesia “Milano ermafrodita” di Simonetta Caligara

 

La parola vernacolare della Caligara proietta psicoaffettivamente il microcosmo dell’uomo al macrocosmo dei luoghi elementari. L’umanità è stretta in chiasmo alla città di Milano, fra senziente e sensibile, a trovare in essa la propria ricomposizione originaria. È l’armonia tra i principi di forza e attivismo maschile e grazia seducente del femminile, all’androginia edenica, alla coppia adamitica del Rebis alchemico, in forma superna di conoscenza, che supera la conflittualità degli opposti e restituisce la pienezza unitaria della totalità.