Tommaso Caruso

Danza

Movimenti lenti sospesi nell’aria,

come coriandoli colorati,

che non toccano mai terra.

 

Improvvisi cambi di ritmi,

che li avvicinano e li allontanano,

sospinti dal crescere del vento.

 

Mani e braccia che iniziano ad aleggiare veloci,

attaccate al tuo corpo flessuoso.

 

Che sanno spegnersi lentamente,

allo scemare delle note.

 

Che sanno fermarsi all’improvviso,

quando la musica muore nel silenzio.

 

Nel viso le espressioni più altalenanti

accompagnano ogni inizio e fine di questi giochi.

 

E tu, ogni volta, come sempre, felice,

continui a danzare dentro,

con i battiti del tuo cuore affannato.

Critica in semiotica estetica della Poesia “Danza” di Tommaso Caruso

 

La semplicità sincera della parola del Caruso è ricerca dell’essenziale, senza abbellimenti superflui e virtuosismi.  La parola cerca la delineazione del movimento, perché sa che in esso si cela la sua verità, la chiave dell’emozione al mondo. La nascita del sapere è una danza, è il rituale del battere e del levare, un’origine alla materia che si ripete in figura metafisica. Il poeta non risponde alla domanda sul perché,

ma a quella del da dove: il nome originario è battito del cuore, corrispondenza al mondo, è ritmo, danza, sintonica melodia di un unico essere.

Indimenticabile

Nulla avrò dimenticato in amore.

Esperienze che mi hanno tagliato addosso vestiti di emozioni.

Per un amore volato via senza conoscere il motivo.

Per un amore ritrovato in un disperato abbraccio.

Anni in cui tutto è rotolato, si è modificato, si è fossilizzato.

Sorrisi perduti in notti di plenilunio per illuminarmi dentro.

Spensieratezza smarrita in giornate di solleone in una città vuota.

Coraggio che ha dovuto vincere il dolore.

Per riprendere ad amare. 

Sofferenza che ha dovuto vincere l’infelicità.

Per riprendere a sognare. 

Vago ancora per mete di cuore e di speranze in balia di onde anomale.

Non mi arrendo anche disarmato.

È troppa la voglia di rivivere sentimenti indimenticabili.

Fosse pure per un giorno.

Fosse pure per un’ora.

Fosse pure per mai.

Critica in semiotica estetica della Poesia “Indimenticabile” di Tommaso Caruso

 

Frantumato il verso del Caruso è specchio della finitudine segnica dell’umano, della domanda al desiderio d’essere, nel sentimento dell’amore, spezzata dalla mancanza, dall’assenza di risposta. Sinestesia inconscia di sensi accesi, amore è memoria dell’origine indistinta all’alterità e al mondo. Volontà inestinguibile, l’uomo è mancanza a essere e nell’amore all’essere anela, malgrado il dolore, fosse anche la rappresentazione dell’istante mera illusione di completezza, la poiesis di un nulla, a dissolversi.

© 2018 by Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea

created by Antonino Bumbica