Valerio Di Paolo

A mia madre

Ora te ne stai lì, con un chiodo fitto nell’assenza.
Sorda, ali dolenti in grembo e gli occhi altrove.
Brancoli a volte come una rondine stordita
cercando in terra un cielo che non c’è.
Rimani lì, nella stazione di ogni giorno…
passano i tuoi sogni e mai nessuno scende.
Solo, sulla banchina opposta, un uomo senza volto
ti rammenta il peso delle ombre.

Ma io ti vedo ancora
dalle finestre spalancate al giorno guardarmi ridente in viso
come solo fanno i girasoli,
e nemmeno nei giorni bui dalle finestre chiuse
hai messo misura alle tue ali.
Ti ricordo regina con canovaccio e conca
guardare solo avanti
mentre piccoli paggi reggevano impazienti
lo strascico di una vestaglietta sdrucita
ma di colori piena.
I sogni della farina cullavi nelle mani
e nei risvegli il pane era pane e il giorno, un giorno
…e quelle infinite estati che celavano sorrisi
nelle fette fresche di un cocomero tagliato…
Ora vorresti solo che dall’ultimo tuo sogno,
impolverate, nell’azzurro di una vecchia tuta,
scendessero leggere le sue mani
a farsi focolare delle tue
narrandoti di nuovo la bella fiaba che sei stata.
Forse il tempo per raccontarla sarà poco,
un infinito non basterà, ne serviranno due.

Quando infine indosserai le scarpe nuove,
quelle con cui nessuno torna,
io terrò in tasca il filo reciso a un aquilone
e avrò negli occhi amati
i colori antichi di una rondine volata.

 

Critica in semiotica estetica della Poesia “A mia madre” di Valerio Di Paolo

 

Tanto più semplice quanto più assoluta è la sinestesia intensa della parola franca del Di Paolo, a superare lo spazio dei confini fisici e il tempo della finitudine, a reintegrare la parte scissa e rimossa delle ombre. Dalla condizione segnica di assenza e di rimando, il poeta accompagna al solvimento della nigredo, all’accoglienza nei palmi del focolare dell’amore, athanor che trasfigura e sublima la materia. È l’eterno ritorno della rinascita al senso, custodito dagli occhi amati, investiti dalla magia in chiasmo del filo di riguardo materno irrecidibile, per un’anima unica.