Victor Vergauwen

Victor Vergauwen, Ondergang (Destino).jpg

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Ondergang (Destino)” di Victor Vergauwen

 

La potenza cromatica e la linearità libera del Vergauwen sono la ricerca della massima economia segnica, a scatenare la divampante forza ignea e diretta di un senso universale, che raggiunge nella sinestesia di un gettato emotivo. Ondergang è decesso, via sotterranea, il destino dell’uomo è dunque il descensus letteralmente inferno al luogo di morte, è la fissità statica che soggiace al movimento superno di rappresentazione del divenire della vita, che si esprime nei picchi sapienziali di coscienza e nei pendii dell’abbandono inconscio emozionale, al battito cardiaco accelerato della corsa d’esistenza, che infine si concentra in un unico, intenso ed isolato istante di volontà a densità infinita: il cuore dell’eternità.

Criticism in semiotic aesthetic method of the artwork “Ondergang (Destiny)” by Victor Vergauwen

 

Vergauwen’s artwork with its cromatic strenght and unrestrained linearity searches the simplicity of the sign in its maximum expression to unleashes its disruptive fiery strenght of a universal sense, which evokes the perceptive synesthesia of an emotional momentum. Ondergang passed away through an underground path: man’s destiny is the descensus of a still and unconscious underground place, is the firmness of immobility that succumbs to the sublime motion of the becoming of life which finds its climax in consciousness’ wisdom and its declivity in the abandonment of emotional unconsciousness and again in the rapid heartbeat which focuses itself in one, intense and unique instant of will and infinity consistency: eternity’s heart.

 

Prof. Carolina Garrow’s translation